Olio extra vergine di oliva… mon amour!

Alessandra Cuscinà e l'olio siciliano

Posts Tagged ‘sanzioni’

I nuovi reati presupposto: fino a 500 quote le multe per le frodi alimentari

Posted by Alessandra su 13 giugno 2010

“Forse” è finita la pacchia di chi scrive “extravergine” oppure “D.O.P.” e poi proprone tutt’altro (olio di semi e clorofilla, oli da colture convenzionali a marchio d.o.p.).
Da novembre 2009 grazie all’integrazione della legge 99/2009 al decreto legislativo 231/2001 chi froda paga in proporzione alla “grandezza” dell’azienda quindi stop, finalmente, alle multe uguali per tutti perché agevolvano decisamente le grandi aziende che inserivano la multa che andava dai 6” ai 9.500,00 euro nelle “spese di gestione” mentre alle piccole aziende facevano un danno enorme.

Adesso la multa è proporzionata a chi commette la frode (io avrei preferito una “multa certa” proporzionata al fatturato dell’azienda, ma pazienza, meglio di niente e, in certi casi, questa con le quote è anche più drastica per chi froda).

Le quote le stabilisce il magistrato e nel frattempo ci può essere la chiusura preventiva dell’azienda, questo chiaramente mette un po’ di dubbi data la lentezza della giustizia italiana, poiché bloccare un’azienda e poi, come a volte accade, scoprire che non ha commesso reati tali da giustificare tale chiusura può essere la fine economica dell’azienda in questione. Ma noi confidiamo nella giustizia, e speriamo che tutto si svolga sempre nella massima attenzione alle conseguenze di qualsiasi decisione.

Estratto della legge riguardante le frodi alimentari:

art 25 bis. 1 [inserito dalla legge 99/2009]
art. 513 c.p. (Turbata libertà dell’industria o del commercio)
Chiunque adopera violenza sulle cose ovvero mezzi fraudolenti per impedire o turbare l’esercizio di un’industria o di un commercio è punito, a querela della persona offesa, se il fatto non costituisce un più grave reato, con la reclusione fino a due anni e con la multa da euro 103 a euro 1.032.
art. 515 c.p. (Frode nell’esercizio del commercio)
Chiunque, nell’esercizio di un’attività commerciale, ovvero in uno spaccio aperto al pubblico, consegna all’acquirente una cosa mobile per un’altra, ovvero una cosa mobile, per origine, provenienza, qualità o quantità, diversa da quella dichiarata o pattuita, è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave delitto, con la reclusione fino a due anni o con la multa fino a euro 2.065. Se si tratta di oggetti preziosi, la pena è della reclusione fino a tre anni o della multa non inferiore a euro 103.
art. 516 c.p. (Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine)
Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in commercio come genuine sostanze alimentari non genuine è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a euro 1.032.
art. 517 c.p. (Vendita di prodotti industriali con segni mendaci)
Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in circolazione opere dell’ingegno o prodotti industriali, con nomi, marchi o segni distintivi nazionali o esteri, atti a indurre in inganno il compratore sull’origine, provenienza o qualità dell’opera o del prodotto, è punito, se il fatto non è preveduto come reato da altra disposizione di legge, con la reclusione fino a due anni o con la multa fino a ventimila euro.
art. 517-ter c.p. (Fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale) – Salva l’applicazione degli articoli 473 e 474 chiunque, potendo conoscere dell’esistenza del titolo di proprietà industriale, fabbrica o adopera industrialmente oggetti o altri beni realizzati usurpando un titolo di proprietà industriale o in violazione dello stesso è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a euro 20.000
Alla stessa pena soggiace chi, al fine di trarne profitto, introduce nel territorio dello Stato, detiene per la vendita, pone in vendita con offerta diretta ai consumatori o mette comunque in circolazione i beni di cui al primo comma.
Si applicano le disposizioni di cui agli articoli 474-bis, 474-ter, secondo comma, e 517-bis, secondo comma.
I delitti previsti dai commi primo e secondo sono punibili sempre che siano state osservate le norme delle leggi interne, dei regolamenti comunitari e delle convenzioni internazionali sulla tutela della proprietà intellettuale o industriale.
art. 517-quater c.p. – (Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari). – Chiunque contraffà o comunque altera indicazioni geografiche o denominazioni di origine di prodotti agroalimentari è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a euro 20.000.
Alla stessa pena soggiace chi, al fine di trarne profitto, introduce nel territorio dello Stato, detiene per la vendita, pone in vendita con offerta diretta ai consumatori o mette comunque in circolazione i medesimi prodotti con le indicazioni o denominazioni contraffatte.
Si applicano le disposizioni di cui agli articoli 474-bis, 474-ter, secondo comma, e 517-bis, secondo comma.
I delitti previsti dai commi primo e secondo sono punibili a condizione che siano state osservate le norme delle leggi interne, dei regolamenti comunitari e delle convenzioni internazionali in materia di tutela delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari.
SANZIONI PER L’ENTE:
PECUNIARIA: FINO A 500 QUOTE
INTERDITTIVE: NO
art. 513-bis c.p. (Illecita concorrenza con minaccia o violenza)
Chiunque nell’esercizio di un’attività commerciale, industriale o comunque produttiva, compie atti di concorrenza con violenza o minaccia è punito con la reclusione da due a sei anni. La pena è aumentata se gli atti di concorrenza riguardano un’attività finanziaria in tutto o in parte ed in qualsiasi modo dallo Stato o da altri enti pubblici.

Fonti:
http://www.reatisocietari.it/new/images//copia%20di%20i%20nuovi%20reati%20presupposto.pdf

http://www.alimentibevande.it/allegati/75887.pdf

Annunci

Posted in etichettatura olio, olio extra vergine | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Convegno: Nuove norme commercializzazione olio di oliva

Posted by Alessandra su 22 maggio 2008

Martedì 27 maggio 2008 – ore 9.30
Salone stabilimento Nuove Terme di Sciacca
Via Agatocle – Sciacca

Le nuove norme sulla commercializzazione dell’olio di oliva
Adempimenti del confezionatore ed etichettatura

PROGRAMMA

Saluti
Mario Turturici Sindaco del Comune di Sciacca
ORE 9.30 INIZIO LAVORI

Moderatore
Paolo Girgenti
Dirigente coordinatore Servizio XI (Servizi allo Sviluppo)
Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste – Dipartimento Interventi Infrastrutturali

INTERVENTI

Il ruolo dell’amministrazione regionale nel settore oleario.
Pietro Miosi
Dirigente Servizio VIII (Tutela, valorizzazione e promozione prodotti agro-alimentari)
Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste – Dipartimento Interventi Strutturali
Le nuove norme sull’etichettatura degli oli di oliva: le indicazioni obbligatorie e facoltative per i prodotti convenzionali, a Dop e da agricoltura biologica.
Maria Concetta Borgese
Funzionario dell’ICQ (Ispettorato Centrale per il Controllo della Qualità dei prodotti agroalimentari) – distaccamento di Palermo

INTERVENTI PROGRAMMATI

  • Unità operative territoriali del territorio
  • Sopat (Esa) del territorio
  • Consorzio Verdorolio Bilìci
  • Organizzazioni produttori
  • Organizzazioni di categoria

DIBATTITO

FOTO DEL CONVEGNO

Posted in etichettatura olio, olio extra vergine | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Convegno del 10 maggio: ottimo risultato!

Posted by Alessandra su 11 maggio 2008

Sabato 10 maggio si è tenuto il convegnoLe Istituzioni incontrano le aziende: la corretta etichettatura dell’olio extra vergine di oliva” di cui ho parlato nell’articolo precedente.
Sono davvero molto soddisfatta del risultato.
Il mio alter ego in quest’occasione è stato il Presidente dell’Unione Commercianti Dott. Vincenzo Cirinnà che ha organizzato tutto alla perfezione: ha parlato per primo e ha presentato il Convegno dando la parola al Sindaco di Canicattini Bagni (SR) Paolo Amenta.
Vi è stato un buon interesse di pubblico, ho contato circa 100 persone presenti e il dibattito è stato interessantissimo.
La dottoressa Maria Concetta Borgese, funzionario dell’ICQ – Ispettorato Centrale per il Controllo della Qualità (ex Ipettorato Centrale Repressione Frodi), si è dimostrata estremamente preparata e capace e ha esposto le regole per una corretta etichettatura in maniera chiara, precisa e molto scorrevole.
E’ davvero una donna in gambissima: non è facile tenere l’attenzione di una platea per tre ore consecutive senza farla distrarre.
Presente al Convegno il dott. Leonardo Catagnano funzionario della Regione siciliana – Assessorato Agricoltura e Foreste – Dipartimento Interventi Infrastrutturali – che con la dottoressa Borgese ha reso il dibattito con il pubblico un confronto vivace e interessante. Le Istituzioni hanno davvero incontrato le aziende come diceva il titolo del Convegno.
È stato davvero una grande soddisfazione per il Consorzio Verdorolio che ha voluto questo convegno con tutte le sue forze.

Posted in etichettatura olio, olio extra vergine | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »